Corrado Mancini

Economia, commercio, turismo


Nato a Cavaion V.se il 6 luglio 1960
Residente a Cavaion v.se
Coniugato con Gabriella
Papà di Alessandro di 22 anni


Titolo di studio

Laurea in Scienze economiche


Professione

Commercialista-Consulente del lavoro
Revisore legale di Enti Locali


Interessi, hobby, sport preferiti

Letteratura, turismo sostenibile e teatro. Tra gli sport il nuoto, lo sci, il calcio.


“Curriculum di paese”

Dai 16 ai 34 anni calciatore nell’A.C. Cavaion.
Tra i fondatori dell’associazione Archeologica Cavaionese.
1987-88 Direttore e responsabile di due edizioni del corso per animatore turistico ambientale dell’entroterra gardesano.
Tra i fondatori e primo presidente della biblioteca di Cavaion.
Promotore e responsabile dei primi tornei estivi di pallavolo (intitolati a Stefano Albrigo) dai quali è poi nata l’associazione pallavolo.
Promotore e responsabile di varie edizioni di tornei estivi di calcetto.
Presidente del C.T.G. “El Preon” dal 1984 al 1990 e dirigente provinciale, regionale e nazionale del C.T.G. (centro turistico giovanile).


Esperienze amministrative

Consigliere comunale con delega al commercio dal 1990 al 1995
Assessore con delega al bilancio, attività economiche, edilizia economico-popolare, rapporto con le associazioni, dal 1995 al 2004;
Consigliere comunale di minoranza dal 2009 al 2014.
Assessore con delega a: Politiche Economiche; Bilancio e Tributi; Economato; Finanziamenti comunitari; Attività produttive; Turismo; Edilizie Economico Popolare e PIP; Affari generali dal 2014 al 2019
Revisore dei conti in comuni ed enti pubblici
Componente della Commissione di Studio Enti Locali e Società Partecipate dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e E.C.


Perché sei candidato nella lista Progetto Paese?

Sono stato uno dei promotori della nascita di Progetto Paese, l’obiettivo era e rimane quello di tracciare un percorso volto al vero rinnovamento nella gestione della cosa pubblica, capace di garantire un futuro migliore al nostro paese. Il lavoro iniziato anni fa non è finito ha bisogno ancora di impegno nella continuità.